A proposito delle dichiarazioni di Abdullah

DI LUIGI de CAPOA

Abdullah dice che i leader afghani devono unirsi ai colloqui di pace
Il principale negoziatore di pace dell’Afghanistan Abdullah Abdullah ha detto che il ritiro delle truppe straniere dal paese non è la ′′ fine del mondo per il nostro popolo “, ma che l’uscita presenterà ′′ sfide enormi “.

In un’intervista con l’Associated Press, Abdullah ha detto che la leadership afgana ora deve rimanere unita nei colloqui di pace e che l’attenzione ora deve essere dedicata ai negoziati.

′′ Non la chiamerei (ritiro) la fine del mondo per la nostra gente. Direi che sarà molto impegnativo ed è per questo che sono dell’opinione che l’intera attenzione debba essere dedicata al raggiungimento della pace,” ha detto.

Abdullah ha anche detto che non è convinto che i talebani vogliono la pace. Ha detto che l’Alto Consiglio per la riconciliazione nazionale, di cui è presidente, ha lanciato innumerevoli richieste per i talebani per mettere sul tavolo tutte le loro richieste.

I messaggi vanno avanti e indietro tra una varietà di talebani ai negoziatori senior, compreso lui stesso, ha detto Abdullah. Ha notato di aver ricevuto innumerevoli messaggi da funzionari talebani, alcuni scritti, altri come messaggi vocali.

A volte sono dettagliate, e altre volte terse e brevi. Ma ha detto che deve ancora vedere un impegno per la pace da parte del gruppo insorti sul quale può contare.

Abdullah ha detto che la sua risposta ai talebani è stata coerente: ′′ Mettete tutto quello che volete sul tavolo delle trattative. Siamo pronti a discuterne. Siamo pronti a trovare il modo in cui funziona per entrambe le parti.”

Ha detto che il ritiro aggiunge pressione su entrambi i lati per trovare un accordo di pace.
Abdullah ha detto un ′′ insediamento comprensivo e pacifico, questo è ciò in cui tutti credono. … Dio non voglia se non abbiamo pace allora, ovviamente, nessuno ha dimenticato la storia recente del paese.

Quindi bisogna fare tutto per attenuare le gravi conseguenze del ritiro.”
Abdullah ha interrogato le garanzie che Washington ha ricevuto dai talebani per respingere i gruppi terroristici, in particolare al-Qaeda, il motivo per cui Washington e la NATO hanno invaso 20 anni fa.
′′ Cos’è successo ad Al-Qaeda?” ha chiesto. ′′ Questa è una grande domanda.”

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla