Alle mie domande

DI HORION ENKY

E l’eco non portava mai nessuna risposta alle mie domande,
non capiva quanto per me fossero importanti;
la solitudine aveva svuotato la mia mente di tutte le parole
che un tempo imperavano nella mia testa.
Stanco, poggiava sullo scranno dei ricordi, il mio passato,
memore di ciò che avrei perduto in questo futuro,
che lentamente scorre in una sola direzione,
senza sfumature nel tempo.
Biasimai la speranza, orfana del coraggio,
costei non si degnava più di alzarsi, quando le chiedevo aiuto
e così mi fermavo
a guardar se le nuvole mosse dal vento fossero fatte d’acqua,
lacrime disperse nei tumultuosi giorni di tempesta.
Compresi con il vivere le mie agonie,
eran fatte di sogni dimenticati,
tra minuti persi a pensare quel che era giusto o sbagliato.
Sol così mi accorsi d’esser prigioniero dei miei preconcetti,
insegnatami per difetto
da chi in buona fede a suo tempo li credeva veri.
#cultura# #poesia# #scrittori# #poeti# #versi# #scrivere#

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società