Andrea Camilleri, “Conversazione su Tiresia”. Magnifica opera di drammaturgia

DI FRANCO FRONZOLI

… Chiamatemi Tiresia …

È l’incipit della commedia teatrale “ Conversazione su Tiresia “ , tenutasi al Teatro Greco di Siracusa , l’11 giugno 2018 .

Autore ed attore

Andrea Camilleri

Il maestro

L’autore , intreccia la sua storia personale con quella dell’indovino cieco della mitologia greca , Tiresia di Tebe

Ma ne fa una personalissima interpretazione , recitata senza leggere , con la sua voce cavernosa , creata dalle tante , troppe , sigarette fumate

Aiutato a sedersi , il maestro , 91 anni , indossa una “ coppola “ ed inizia a recitare

Che inserisse i suoi personaggi , nel contesto recitativo , come quando dice : Tiresia sono … “ di persona personalmente “

Ed il silenzio cala , in quel teatro che trasuda storia antica , senza un posto libero ; tra gli spettatori Luca Zingaretti , il Commissario Montalbano , dei mille successi

“ Da quando Zeus o chi ne fa le veci , ha deciso di togliermi di nuovo la vista , questa volta a novant’anni , ho sentito l’urgenza di riuscire a capire cosa sia l’eternità e solo venendo qui posso intuirla . Solo su queste pietre eterne “

Questo dice Andrea Camilleri , nel suo avvicinarsi a Tiresia , confrontandosi con lui , interponendosi , uscendo dagli schemi per poi rientrare

Riesce ad inserire , citandoli , mostri sacri come Borges , Seneca , Pavesi , Sofocle , Apollinare ed altri scrittori attorno al mito dell’indovino Tiresia

È un racconto articolato che ricostruisce la storia del celebre indovino greco , attraverso i secoli , con 63 versioni del mito declinato in età antica e moderna da scrittori , poeti , filosofi , drammaturghi

È un’opera , quella del Maestro , che ha una doppia anima , quella portata a privilegiare lo spaccato ideologico e l’attrito storico – sociale , presenti in diverse epoche

Tiresia di Tebe , fu accecato dalla dea Era , perché l’indovino si espresse in contraddizione al suo pensiero

Tiresia chiese , anzi implorò Zeus , di ridargli la vista , ma non poté essere accontentato , perché non si poteva cambiare il volere di un altro dio

Ma Zeus , concesse a Tiresia il dono dalla preveggenza , ossia della vista eterna

Il Maestro concluse la commedia teatrale con queste parole : “ Mi piacerebbe che ci incontrassimo tutti quanti , qui , in una sera come questa , tra cento anni ! Me lo auguro , ve lo auguro . “

Il 17 luglio 2019 , Andrea Camilleri ci lasciava

Aveva 93 anni .

Questo per ricordarLo , con la Sua opera , più interessante , una ciliegia sulla torta della drammaturgia .

Immagine tratta dal web

scrignodipandora
Latest posts by scrignodipandora (see all)

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società