Aprono i battenti le giornate FAI di primavera 2021

DI REDAZIONE

 

600 le aperture in 300 città di tutta Italia nel rispetto delle norme di sicurezza Covid.

Ville e parchi storici, castelli, monumenti e giardini che aprono spazi sorprendenti, aree archeologiche e musei insoliti; orti botanici, percorsi naturalistic, borghi che custodiscono antiche tradizioni.

Le aperture in oltre 300 città proposte in occasione delle Giornate FAI di Primavera organizzate, sabato 15 e domenica 16 maggio nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, racconteranno la varietà del patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese.

Nel 2021 la manifestazione di punta del FAI, attraverso un’oculata scelta dei luoghi e la narrazione che ne verrà fatta, la nuova visione culturale della Fondazione – presentata a marzo in occasione del XXV Convegno Nazionale dei Delegati e dei Volontari – che vede l’Ambiente come indissolubile intreccio tra Natura e Storia e la Cultura come sintesi delle scienze umane e naturali.

Le Giornate FAI di Primavera, oltre a essere un momento di incontro tra la Fondazione e la gente, sono anche un importante evento di raccolta fondi: prendervi parte permetterà infatti di sostenere la missione del FAI in un momento particolarmente delicato.

Per farlo si potrà effettuare una donazione libera – del valore minimo di 3 € – e anche sottoscrivere l’iscrizione annuale, online oppure in piazza durante la manifestazione.

La donazione online consentirà di prenotare la propria visita, assicurandosi così l’ingresso nei luoghi aperti dal momento che, per rispettare la sicurezza di tutti, i posti disponibili saranno limitati.

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla