Bentornata a casa Piera, sopravvissuta all’ ingiustificata violenza

DI MICHELE PIRAS

Piera è tornata a casa.

Dimessa dall’ospedale, salvata dai medici, dagli infermieri dell’ospedale di Sassari, dall’intervento dei volontari del 118.

Piera è una sopravvissuta.

Piera è una donna che ha visto la morte in faccia, incarnata nel volto e nella pistola del suo compagno.

Piera la morte continuerà a vederla, probabilmente, per il resto della sua vita.

E con quell’immagine dovrà convivere e fare i conti ancora per tanto tempo.

Perché come sempre la violenza non è solo quella dell’atto omicida o dello stupro, ma tutto il resto che ne consegue.

Ti si conficca nei nervi come una maledetto paletto.

Ma Piera è sopravvissuta e riabbraccerà parenti e amici, potrà raccontarlo e forse combattere una battaglia insieme a tutte e tutti noi, affinché questo orrore, che uccide quotidianamente troppe donne, venga sradicato, definitivamente, dalla società, dalla cultura di questo Paese e dalla mente dei maschi.

E dunque questa notizia, letta oggi sui quotidiani sardi, rende davvero bella questa domenica di metà settembre e più caldo e luminoso il sole di Sardegna.

 

Ti abbracciamo Piera.

#violenzasulledonne# #femminicidio# #violenza# #bastaviolenza# #raccontidivita#

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società