Cambiare

DI OTELLO AURELIO VALENTINI

Un giorno l’ allievo chiese al maestro cosa significasse cambiare:
Il maestro non rispose.

Alcuni giorni dopo al risveglio l’ allievo aprendo gli occhi vide il maestro che lo stava fissando con intensità.
“Maestro cosa state facendo?”
“Osservo il tuo cambiamento”
L’ allievo era sorpreso e frastornato.
” Ma è impossibile!”
” Esatto”

Il tempo cambia le cose fisicamente.
Poco a poco. Non te ne accorgi se le osservi continuamente così come non puoi vedere muoversi la lancetta delle ore ma se lasci uno spazio tra un osservazione ed un altra puoi vedere le cose mutare.

” Maestro, allora perché mi state fissando se è inutile”
” Sono due le strade da percorrere, Io non posso vedere i tuoi cambiamenti ma guardandoti con attenzione posso cambiare il mio modo di essere nei tuoi confronti. Questo può far cambiare te stesso ed io posso vedere mentre questo accade”

” La seconda strada è non guardare te ma osservare le cose che hai attorno.
Vedere quali fiori e piante sai far crescere meglio nella tua casa, quali libri che possiedi hanno più o meno polvere sulla copertina, se curi i tuoi diari, se conservi con dignità i tuoi abiti sebbene umili.”

” Maestro ma questa strada non è osservare il cambiamento ma il mezzo per conoscere meglio chi hai di fronte”
” Cambiare se stessi passa dalla conoscenza ed il veder cambiare gli altri non può che passare ugualmente dalla conoscenza di chi hai di fronte”…

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e attualità