Dignità, una parola che contiene un grande valore

DI FRANCO FRONZOLI

 

«A tutti sia data la parola, perché senza parola non c’è dignità, e quindi neanche libertà e giustizia».

Queste sono le parole di Papa Francesco.

Parole forti, importanti, significative, di altissimo spessore morale.

Vorrei che i governi si adoperassero per fare più “ Decreti Dignità “ , che “ Redditi di cittadinanza “ .

Ho letto una bella frase : “ La dignità è un abito che non tutti sanno indossare. Cammina a testa alta sempre, di zerbini ne è pieno il mondo “ .

Una parola sempre più desueta ; c’è chi rinuncia alla dignità e quindi alla libertà, per genuflettersi difronte agli interessi peggiori, alla corruzione, all’ ignominia.

Ed anche :

“ Una volta c’era più dignità anche nel fare schifo “ . Un paradosso però significativo, per chi vuol capire.

Chi rinuncia alla dignità, rinuncia al rispetto, al confronto, agli affetti, ai diritti.

La dignità va oltre i confini, oltre i muri ; la dignità costruisce ponti.

Tutto è supportato dalla dignità, il lavoro, gli amori, una stretta di mano, un abbraccio, un’ amicizia.

Chi non ha rispetto per gli altri, non può pretendere rispetto per se stesso è una questione di

Dignità.

Come ergersi a buoni genitori, ad illuminati insegnanti, ad educatori, se manca il valore della dignità?

Ricordo una frase che veniva detta spesso in passato, molto meno oggi : «sii degno» .

E non si può essere “ degni “ , senza possedere il valore della dignità, banale forse, ma rende bene il significato.

Si può definire la dignità, come una luce accesa sulla nostra coscienza.

Un fiore nel nostro cuore.

La dignità non alberga in chi si alimenta di soprusi, in chi usa la violenza per primeggiare,  in chi esclude il dialogo, a chi è incline alla supremazia.

Tutti dovranno vedere che abbiamo scelto di morire in piedi, pur di non vivere in ginocchio.

È solo una questione di

Dignità.

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla