“Emozioni condivise” la mostra che diffonde arte e bellezza

DI REDAZIONE

“Emozioni condivise” presso la Galleria d’Arte “Lo Scarabocchio” di Ciro Spinapolice a Torino in via Domodossola 44, è in corso una mostra collettiva di pittura, che sarà visitabile fino al 4  giugno 2022.

Sono quattro, gli artisti che espongono le loro opere: Francesco Italiano, Jone Jb, Valeria Marchiò e Flora Barin.
La loro avventura è iniziata tramite un social network,  dove si sono incontrati virtualmente.

Ad unirli l’amore per l’Arte  che gli ha  fatto compiere un percorso di conoscenza comune, di ideali portati avanti con passione, un percorso “colorato”.

L’incubo della pandemia cambiò molte cose per tutti noi,  tutto si fermò non solo nelle attività di tutti i giorni, al di là del dolore e dei drammi devastanti per l’intera società,  anche gli artisti e la cultura, hanno risentito in modo particolare di questo isolamento dal mondo e dalla vita, che è spesso fonte di ispirazione per tutti i creativi.

In modo sommesso hanno in qualche modo sopperito alla mancanza di ogni possibilità di comunicare con eventi, incontri e mostre, sostituendole con una presenza più attiva sui social networks,  Francesco Italiano e Jone Jb si ritrovano dopo 10 anni e fondano un gruppo basato sull’arte che fa nascere nuove amicizie.

Tra queste, Flora Barin che dipinge per passione delicati acquerelli  celebrativi della natura.

Utilizza gentili nuances  di colori che ben rappresentano il suo carattere mite e gentile. Valeria Marchìò con disegni molto particolari e personalissimi per la loro essenzialità che raccontano secondo una concettualità cubista la vita di sintetici agglomerati di persone che scrivono come su un diario la vita di tutti i giorni.

 

Incontriamo gli artisti, ognuno con il proprio stile pittorico. Francesco Italiano, già nostro collaboratore, con la sua pittura di denuncia sociale, maestro in ogni tecnica pittorica e con un grande bagaglio di esperienza. Jone, nostra collaboratrice, che tramite la sua pittura ci porta a conoscere le filosofie di paesi lontani i cui lavori sono protesi alla ricerca della spiritualità attraverso le sue letture e i viaggi .

In occasione di questa mostra si sono finalmente potuti incontrare riuscendo ad unire le proprie storie di colore e emozioni.

Una mostra arricchente, da non perdere che donerà sicuramente belle emozioni ai suoi visitatori.

Noi ne siamo stati colpiti e la suggeriamo a chi, nonostante tutto, non ha perso l’amore per la bellezza.

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e attualità