Felicemente sereni…

DI SILVANA PINTO

Avete mai riflettuto sulla differenza tra felicità e serenità ? La felicità è qualcosa che non può oggettivamente durare se non per un lasso di tempo breve.

Anche il suono che emettiamo quando diciamo “sono felice” e’ un suono forte, diretto, veloce, e’ come una piccola bomba che esplode e poi si spegne.
Invece la parola “serena” ha un suono dolce, pacato, che da’ l’idea di un mare calmo, da’ un senso di stabilità.

Io sono dell’idea che la felicità non esiste, se non per qualche attimo. Tutti sono alla ricerca della felicità ma perché accontentarsi di essere felici quando invece si può essere sereni. Sono dell’idea che la felicità appartiene a ciò che è materiale, faccio un esempio: se compri una Ferrari sei felice in quel momento perché realizzi un tuo desiderio, ma dopo un giorno potresti davvero dire di essere felice come l’attimo in cui l’hai comprata ? Io credo proprio di no, perché ormai sai di averla, e’ tua.

Per quanto riguarda i rapporti umani le cose cambiano. Se ad esempio incontri l’uomo o la donna della tua vita ciò che devi augurarti e’ di essere sempre sereni. E’ la serenità che può dare stabilità ad un rapporto, il rispettarsi, amarsi, condividere ogni cosa. La serenità e’ l’alba che vedi ogni santo giorno, e’ sicurezza, e’ stabilità.

Oggi quando qualcuno mi chiede se sono felice io rispondo sempre sono serena, nel mio piccolo e cn i miei problemi cerco sempre di mantenere questo mare calmo.
Guardandomi dentro posso tranquillamente dire, senza alcun vittimismo, che credo di non essere mai stata davvero felice, tranne quando ho scritto i miei romanzi, perché a loro era legata la mia ricerca della serenità.
Sì sono serena, la felicità la lascio a chi ancora non ne ha capito il senso.

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società