Gli #esseri umani sono tutti uguali. Conosciamo ancora il valore di questa frase?

DI OTELLO AURELIO VALENTINI

La frase ” Gli esseri umani sono tutti uguali ”
Non ha perso nulla della sua meravigliosa essenza. Dal 26 agosto 1789 ad oggi sono trascorsi 232 anni ma il suono di quelle parole è musica e poesia.
Soprattutto oggi.
La storia ha dimostrato che l’ antitesi a questa teoria è la principale causa di guerre, soprusi, tragedie e lutti.
Professare una qualsivoglia predominanza umana rispetto ad un’ altra è l’ ultimo spregevole abisso nel quale sprofondiamo come umanità intera.
Ci vorrà ancora tempo. Magari saranno le macchine a ricordarci che Sapiens Sapiens è il culmine di un percorso fatto in salita non la corsia preferenziale di teorie senza senso.
Il progredire dell’ uomo tecnico sta diventando sempre più veloce dell’ uomo anima e dell’ uomo cultura.
Così si sta perdendo di vista il vero motore dell’ umanità, l’ unione di ciò che caratterizza maggiormente le donne e gli uomini della terra che fa da deterrente a tutte le catastrofi:
Cuore e pensiero uniti.
Sotto lo stesso tetto dove gli esseri umani sono tutti uguali.
Lo sapevano già chiaramente il 26 agosto del 1789.
Non perdiamo per strada questo immenso insegnamento.

#cultura# #blogger# #riflettendo# #cosedasapere# #liberopensiero#

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società