I genitori e la storia

DI ANTONIO MARTONE

 

Non sempre i genitori sono amati in vita come molti di loro meriterebbero. Ciò può capitare per tante ragioni. Una di esse è drammaticamente legata al destino: i genitori hanno già vissuto ciò che i figli debbono ancora vivere. È inevitabile che si crei un dislivello cognitivo ed emozionale che impedisce una reale, piena comprensione reciproca.

Io stesso devo dire che soltanto ora che i miei genitori sono morti, ora che io non sono più un ragazzo, capisco di più e meglio la loro vita, il loro impegno, il loro sacrificio, le loro speranze e le loro delusioni. Ora soltanto possiedo quella verità piena che la mia (non) esperienza di vita mi negava quando ero ragazzo.

Viviamo su piani sfalsati della storia. Ciascuno è dentro la propria, e a volte, anche volendo, e malgrado tutti i nostri sforzi, non riusciamo ad entrare con la necessaria attenzione e comprensione nel mondo degli altri. Dovremmo tenere sempre presente che gli altri, genitori e non, sono il nostro altro, e nessuno ci autorizza a giudicare, e tantomeno a condannare, ciò che non abbiamo vissuto.

scrignodipandora
Latest posts by scrignodipandora (see all)

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società