I ricordi

DI FRANCO FRONZOLI

 

I ricordi devono riuscire a farci andare avanti.

Anche quando sono ricordi indelebili, di gioia o di dolore, di sensi di colpa oppure di felicità tradita.

Bisogna non fermarsi, non perdere tempo perché il tempo corre inesorabilmente, non aspetta nessuno, tantomeno chi si è fermatoe resta sospeso tra i suoi ricordi .

I ricordi sono stabilmente seduti nel passato, inchiodati a quella sedia , comoda o scomoda che sia.

Non vale la pena fermare la mente a trascorsi di vita, magari non piacevoli oppure irrisolti, proprio perché sono trascorsi, inamovibili, non trasportabili.

Sono in quel passato insieme a tutti gli errori le titubanze, le incertezze, le indecisioni o le affrettate decisioni.

Bisogna andare avanti senza dimenticare, perché il passato deve servire a non commettere gli stessi errori.

Quella parte del cervello che contiene i ricordi deve far sì che questi vengano essere custoditi, non somatizzati.

Se il ricordo ti blocca ad un flash, che di  qualunque colore sia, può farti perdere momenti di vita che non avranno passato, non è conveniente crogiolarsi perché, il significato di quei mome si è perso.

Il profumo di un fiore non è trasferibile nel tempo perché il passato, come il presente, ha le sue regole, che non transigono, non mediano, non lasciano spazi di riconversione o pentimento.

La cosa migliore è vivere pensando al futuro con tutte le sue incertezze, ma vivere.

Nulla è facile ma nulla è impossibile e provarci è un obbligo morale per se stessi e per altri.

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla