I silenzi non sono tutti uguali

DI OTELLO AURELIO VALENTINI

I silenzi non sono tutti uguali.

Li conosco tutti.
Nessuno escluso.
Ho camminato con il silenzio dei campi
Ho pianto il silenzio dei lager
Ho ascoltato il silenzio notturno
e tranquillo dei miei genitori.

Nessun fiato in aula al sedersi del maestro
Nessun suono al cambio dei fiori sulle lapidi.
Nessun rumore dopo un addio.

Ho attraversato il silenzio dei viali ad ottobre
Quello dei manicomi senza ospiti
ed il silenzio profondo delle bestemmie.

I silenzi non sono tutti uguali
Li conosco tutti

Quelli che si nascondono
tra il rumore delle parole vuote
e le promesse vane
che pronunciano ogni giorno
i pulpiti in cerca di consenso.

Quelli che si mascherano
nei consigli non richiesti,
nei giudizi senza macchia
nelle lodi interessate.

Soprattutto conosco il silenzio delle coscienze
piegate alla ragion di Stato.
Piegate dalla ragion di uomini d’ onore
Senza onore alcuno.
Il silenzio violentato delle Donne
Il silenzio abbandonato dei bambini
Il silenzio della spiaggia a Lampedusa.

I silenzi non sono tutti uguali
E non tutti li conosco
Perché ogni giorno ne nascono di nuovi.

©® Copyright foto limian

scrignodipandora
Latest posts by scrignodipandora (see all)

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società