Il cassetto e il suo insegnamento

DI FRANCO FRONZOLI

 

Da quando Adamo ed Eva abbandonarono il paradiso, perché cacciati, è stata data vita al cassetto dei ricordi.

Virtuale, s’intende.

Ma io che «normale» non sono, ne ho due di cassetti, di vecchio tipo, che  lucido ogni giorno ed apro ogni tanto.

In uno ci metto le cose belle e nell’altro le cose meno belle, alle volte brutte.

Ricordo quando uccisero il Generale dei Carabinieri Alberto Dalla Chiesa, Falcone, Borsellino, Aldo Moro, Piersanti Mattarella, Rosario Livatino, ed altri.

In quei terribili casi ho aperto il cassettino e riposto il ricordo di quelle vittime uccise per aver svolto il loro dovere.

A ricordare quando il terremoto ha distrutto varie zone del nostro paese,  quelle lacrime di donne e bambini, sono contenute nel cassetto in basso di quel mobile dei ricordi.

t Stanno riposte lì, tra le cose peggiori da me vissute.

Anche  la sconfitta ai rigori  dell’Italia, in quella finale con il Brasile, nell’anno orribilis del 1994, ha trovato spazio, tra le cose non piacevoli.

Ma lo spazio tra le cose brutte, è stato riservato, all’avvenimento più terribile, che io abbia vissuto.

Anno 2020, Covid 19. 

Nel cassetto superiore ,  invece, sono state riposte le cose più belle della mia vita.

La nascita dei miei figli e dei miei nipoti.

 

Sprazzi e pillole della mia gioventù.

Il meglio del girovagare per l’Italia, dove ho visto cose stupende, Roma in particolare, una citta che porto nel cuore.

Ed anche un flash non dimenticato ; un bambino mi disse:« grazie» per tutto quello che avevamo fatto per lui e la sua famiglia.

Poi la busta con dentro 50.000 lire, che mi furono restituite da un irregolare, fatto rimpatriare, ma aiutato a sopravvivere.

Insomma in quei due cassetti virtuali, è contenuta buona parte del passato e qualcosa del presente.

Sono cose che riponiamo per estrarle ogni tanto, per ricordare a noi stessi che la vita regala

Gioie

Dolori.

Ma è sempre bella, e vale la pena vivere, sempre…

Immagine tratta dal web

 

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla