“Il potere della fiducia”,di Salvo Noè. Alla riscoperta di questo sentimento

DI SILVANA PINTO

Il dottor Noè ci prende idealmente per mano e ci conduce alla riscoperta di questo sentimento, fondamentale per la nostra vita e per il nostro benessere, utilizzando parole semplici, aiutandoci a riconoscerne il valore. Una perfetta analisi che ci conduce alla scoperta della nostra fiducia, anche nei molteplici aspetti della vita. 

Capita spesso, infatti, che le esperienze negative nelle quali ci imbattiamo, tendono a distorcere o addirittura a farci dimenticare quanto la fiducia sia vitale per un buon proseguimento della nostra esistenza. Il solo pronunciare la reiterata frase “fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio”, non fa altro che alimentare sentimenti negativi, alimentando incertezze, insicurezze e prevenzione nei riguardi di noi stessi e di chi ci sta intorno.

L’autore, nelle pagine del libro, ci invita a riflettere sull’importanza delle parole tossiche che inconsapevolmente innescano meccanismi di autolesionismo e aberrazione, pericolose per il nostro spirito e per il nostro corpo, attraverso somatizzazione e gesti che indicano una strutturale chiusura verso noi stessi e verso il mondo.

Il prezioso dottor Noè ci invita a fare un viaggio introspettivo e profondo all’interno della nostra anima, quella “casa” che spesso teniamo chiusa per paura di imbatterci in verità che potrebbero alterare quella sorta di “quiete apparente”.

Il non conoscersi nel profondo, sovente ci porta a vivere una vita stereotipata, annullando la nostra reale personalità. Un meccanismo che noi definiamo “autodifesa” ma che più delle volte ci trascina in labirinti pericolosi e oscuri.

Un’equazione di valori come la forza, il coraggio e la consapevolezza, che portano ad un unico denominatore: la fiducia. Tutto ciò è una spontanea conseguenza che, partendo dal coraggio di scavare nel nostro io più profondo, innesca in ognuno di noi la forza di affrontare il nostro vissuto, ed è solo così che riusciamo a prendere consapevolezza di ciò che siamo e di ciò che siamo in grado di costruire per poi arrivare alla completa fiducia in noi stessi e di conseguenza negli altri.

La fiducia nasce con noi, in quel liquido amniotico che ci preserva da tutto, tenendoci al sicuro, che continua tra le braccia materne e che si sviluppa grazie a solide basi familiari. Ma se questo,

per svariati motivi, non avviene, ecco che entriamo in campo noi, che, grazie ad un profondo e quanto mai necessario lavoro introspettivo, prendiamo possesso di quella fiducia geneticamente innata ma mai conosciuta. E’ una conseguenza che ci porta a scoprire la nostra “unicità”, che ci rende liberi da ogni condizionamento sociale, facendoci venire nuovamente alla luce.

Credo che per comprendere appieno il senso di questo edificante libro, il lettore debba immaginarsi davanti ad uno specchio, per sperimentare, sensazioni e stati d’animo che spontaneamente si manifestano attraverso le parole.

Io personalmente ho fatto questo esperimento entrando all’interno della mia “casa” e facendomi un’iniezione di forza e fiducia, gioendo del mio coraggio e della mia fede infinita.

E sì, perché se guardiamo l’etimologia della parola fiducia deriva dal latino “fides”, che altro non è che una fiducia assoluta che deve accompagnarci e avvicinarci con fiducia a Dio.

Avvicinandomi alla conclusione del libro, una frase dell’autore mi ha colpito e mi ha fatto sorridere… «Scrivendo questa conclusione mi viene da pensare al tuo viso, ai tuoi pensieri, a quello che questo libro ha suscitato in te. Mi piacerebbe saperlo, per capire se ho solleticato la tua voglia di alimentare la fiducia».

Se potessi risponderle caro dottor Noè le direi che in questo illuminante viaggio ho circumnavigato la mia vita, imponendomi di lavorare ancora su me stessa per non perdere mai di vista il raggiungimento del mio obiettivo: riconoscere la mia unicità e affrontare la vita con quella fiducia che a volte vacilla ma che poi spontaneamente torna attraverso le sue parole che ho scolpito nella mia mente e nell’anima.

Consiglio vivamente questo libro e mi auguro che chiunque lo legga ritrovi la strada di “casa”, che sia disposto con fiducia a guardare le proprie ferite che altro non sono che fessure dalle quali filtra una luce nuova di coraggio, forza, consapevolezza e fiducia.

Il potere della fiducia” che, permettetemi di dire, sottotitolerei con “Il potere di un libro”.

Il Dottor Noè è psicologo, psicoterapeuta e mediatore familiare.

È autore per le Edizioni San Paolo dei volumi Vietato lamentarsi Prima di giudicare pensa. Il suo ultimo lavoro è Accendi l’entusiasmo. Le 13 mosse per ottenere la vita che vuoi (2020)

Immagine tratta dal web