Il ragionamento e l’emozione

DI FRANCO FRONZOLI

Le vere emozioni non si cancellano mai, ed il perché è molto più semplice di quanto si possa pensare.

Le emozioni, non vengono dalla mente come il ragionamento, bensì dal cuore , ed il cuore è come una calamita, attrae e conserva.

Quante emozioni proviamo e non riusciamo a sigillare nel cuore, quanti momenti magici sfuggono alla nostra comprensione, quanti momenti splendidi proviamo nella vita.

Forse siamo troppo occupati, spesso  impegnati nel futile, nell’insignificante, nel banale, e perdiamo quelle pillole che ci vengono donate da un sentimento, da un’alba, da un tramonto, sempre a disposizione in qualsiasi momento e anche gratuitamente.

Ci immergiamo nei problemi, ed indubbiamente, ce ne sono, purtroppo li ampliamo invece di ridurli è proprio mentre siamo occupati ad ingrandire un problema, non ci accorgiamo di aver perso delle emozioni.

Non ci vogliono filosofi o pensatori per farci capire che la felicità non è un totem bensì un raggio di sole che una foglia posta davanti a questa immagine,  può far sparire.

Ma noi siamo immersi in altro e non pensiamo che sarebbe bastato spostare la foglia per godere quel raggio di sole e speranza donatoci.

I problemi, le difficoltà, sono insiti nella natura umana sin dalla nascita, sta a noi decidere come guardarle se ad occhio nudo, oppure con una lente di ingrandimento.

La vita è spazio e tempo, l’emozione un battito di ali, un flash che va colto e mai respinto.

Entrambe ci accompagnano nel nostro cammino, la vita priva di emozioni sarebbe triste e vuota, così, come pure le emozioni, se non ci fosse la vita, non potrebbero emergere.

 

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e attualità