Inetta solitudine

DI HORION ENKY

Da questa inetta solitudine
cerco di scacciare i cattivi pensieri,
da dentro me,
mostri che si aggrappano ai sogni di oggi,
avendo già soffocato quelli di ieri.
Laceranti grida emanano le mie labbra,
screpolate e sanguinanti,
sotto i morsi ricevuti dai vampiri dell’amore.
Smetti di giocare con la vita sorte,
non lanciare i dadi per vedere
se riesci a vincermi,
per impossessarti del mio destino.
Devi ancora continuare a lottare cuore,
lascia all’anima
togliere i chiodi dei tormenti che ti affliggono
e aiutarti a sanare le ferite subite dall’orgoglio.
Non lascerò farti strada dentro di me, solitudine,
aprirò il mio io al sole e, con la sua luce,
scardinerò le porte del buio,
portando con me una lanterna accesa,
per illuminare la via per le stelle
e il bastone della vita,
per legarvi l’eterno sapere
di cui è intriso l’universo.

©®Foto di Daniela Lucchesi

#cultura#poesia#versi#scrittori#poeti#scrivere#emozioni#

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società