“L’arte dell’attesa” di Andrea Kohler. Una lettura che insegna

DI FRANCO FRONZOLI

Per un poco rimango soltanto distesa ad attendere . Che cosa ? Che il sole davanti alla mia finestra e che i rumori mi spingano a tentare una attività ?

Che l’abitudine rompa le resistenze di tutte le mattine a varcare la soglia del giorno è ad essere anche oggi una persona su due gambe , con un certificato di nascita , una professione ed un indirizzo ?

Perché non limitarsi ad aspettare che questa fase di svogliatezza passi ? E già mi chiedo : sto aspettando che qualcosa inizi o che qualcosa finisca ?

Ma forse è lo stesso : ciò deve finire finisce , solo perché qualcos’altro lo scaccia .

Perché qualcosa ci aspetta , da qualche parte e dietro le sette colline del tempo .

Tanto più è ansiosa l’attesa , tanto più a lungo questo “ qualcosa “ è in agguato dietro un angolo .

Chi aspetta si trova in una bizzarra posizione : legato alla ruota della tortura del tempo , è lui il tappeto rosso che , nelle sale d’aspettativa , brama di essere calpestato . Così l’attesa è amica del paradosso .

Questo è il preludio del libro “ l’arte dell’attesa “ a firma dell’autrice Andrea Kohler .

Aspettare è un’ imposizione , eppure è l’unica cosa che ci fa percepire il logorio del tempo?

Sono tante le forme di attesa , più o meno “ elettrica “ : dal medico , alla stazione , nel traffico ed anche in amore .

Aspettiamo la primavera , la persona giusta , che escano i numeri del lotto , un dolore che smetta , che la pioggia ed il vento si plachino .

Per Kafka era l’esitazione prima della nascita .

Questo libro insegna che non possiamo liberarci , frettolosamente , dell’ambiguità della nostra vita , con il suo alternare la presenza con l’assenza .

L’assenza è una condizione in cui il tempo trattiene il fiato , per ricordarci quello che viene dopo .

Quante volte abbiamo atteso con ansia qualcuno per poi accorgersi che non si è presentato .

L’attesa spasmodica della nascita di un figlio , l’attesa per la partenza per sospirate vacanze .

Penso che la nostra vita sia piena zeppa di attese , ogni tipo di attesa ; alcune purtroppo deludenti…

Immagine tratta dal web

scrignodipandora
Latest posts by scrignodipandora (see all)

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società