Légami, non catene

DI SILVANA PINTO

Ero una donna forte, fiera, coraggiosa, intraprendente, vera. Niente mi faceva paura, avevo una vita piena, un viso sereno, e un sorriso sicuro.

Adesso guardami… guarda quello che hai fatto. Mi hai tolto tutto, hai preso la mia vita, hai preso le mie mani e le hai legate. Mi hai legato a te, non riesco più a pensare di vivere la mia vita senza di te. Hai legato la mia mente alla tua, il mio cuore, il mio corpo, la mia anima.

Ma mi sto facendo male, troppo male. Vorrei sciogliere questo nodo che mi tiene legata a te ma non riesco, e mi dispero, urlo, piango, e poi, quando il nodo un po’ si allenta, non riesco a scappare, perché sono io che non voglio, non posso, non riesco, lo vorrei tanto.

So che sei l’uomo sbagliato, conosco benissimo la tua cattiverai, la tua ossessione la tua insana voglia di ferirmi.

Questo è un amore malato, legato, una prigione da cui non riesco a fuggire.
Devo slegarmi da te, perché io voglio legámi, e non catene.
Giuro che spezzerò questa corda che mi sta stringendo l’anima, il corpo, il cuore…

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla