Libri-Le mosche del capitale, una lettura che invita a riflettere

DI FRANCO FRONZOLI

Questo libro scritto molti anni fa è più attuale di quanto si possa pensare.

Cerchiamo di rappresentarlo,  attraverso i passi  più esaustivi, semplici, schematici, sintetici.

È un libro che se  fosse stato scritto oggi avrebbe evidenziato quanto doloroso, nefasto, distruttivo sia il capitalismo arrogante del potere.

Quanto nefasta sia la sete di denaro, l’accumulo senza badare ad altro, il consentire al “ privato “ di primeggiare sul
“ pubblico “ .

Questo libro  scritto da Volponi ed edito nel 1989 dalla Einaudi, rivela il drammatico bilancio di un universo in frenetica trasformazione.

Parla del collasso dell’industria quale bene pubblico e base dello sviluppo democratico.

Lo declina come il nuovo sistema economico-politico, che privatizza i profitti, mentre socializza i costi della sua illimitata voracità.

Un libro che già allora era profetico,  guardava lontano con la capacità di regalarci analisi perfette.

“ Il capitale è un monarca assoluto terribile, più duro del re Sole, molto più potente e prepotente. Il capitalismo è ingordo, avido, mangia troppo, molto di più di quello che può digerire, e poi sta male, e naturalmente fa pagare ad altri le sue
sofferenze “

“ Anche i razziatori di schiavi d’oro e di pietre preziose , nei più sperduti villaggi indios del Mato Grosso … sono più capaci ed intelligenti di questi sopravvissuti, fantasmi dell’industria fascista, dispensiera di tasse ed imposizioni, di ordini come cattivi prodotti, complice dei poteri più arretrati, negatrice di qualsiasi cultura italiana, demolitrici di centri storici e di monumenti , sventratrice di vecchie civiltà e di meravigliosi equilibrati territori . “

È un libro che contiene spietate analisi, con accuse precise e puntuali, che rivela come il capitalismo, questo capitalismo, è capace di dare 10 per incamerare 1000.

È una rigorosa immagine di sopraffazione dei deboli da parte dei forti dell’abisso esistente tra padrone ed operaio, in tutti i sensi, in particolare, in quello economico.

Adesso abbiamo difronte i disastri e le tragedie del Mottarone, del Ponte Morandi e tanti altri, dove il comune denominatore è il denaro, il profitto e purtroppo anche le innocenti vittime.

Una lettura per approfondire ciò che forse sappiamo già, ma anche una lettura utile per fare un’attenta analisi di ciò che realmente siamo e su quanto abbiamo bisogno di spendere per cercare di essere.

Temi attuali, anche se datati, che meritano attenzione e riflessione.

Indicato per chi ha voglia di comprendere meglio…

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla