L’importanza di non far passare cattivi messaggi

DI MARIA RONCA

Nella cronaca italiana ci sono sempre categorie che assolvono a diversi ruoli:
Chi condanna
Chi minimizza
Chi fa silenzio
Chi fa riflettere

A voi l’ardua conclusione, fatto sta che, ci sono due verità che camminano insieme:
1) è morto un genitore, un marito e un amico
2) due giovani si sono rovinati la vita per un amore malato, che avevano un piano diabolico ed erano consapevoli di ciò che facevano.

C’è la giustizia divina e la giustizia umana
E tante volte, capita, che non coincidano e non per questo ci si rassegna perché i morti non tornano indietro.

Allora di che parliamo!
Tuona da lontano, da molto lontano:
“Devi perdonare, devi stare zitto, devi evitare, devi, devi”.
Con tutti questi devi, alla fine, si perde il punto.

Quando i riflettori si spengono c’è una realtà concreta, dello sbandamento dei giovani, delle famiglie e delle istituzioni, compresa la Chiesa, che hanno perso terreno e sostanza.

Il lutto è elaborazione,
il perdono un percorso,
il pensiero divergente una reazione all’inaccettabile

L’importante è non far passare un cattivo messaggio, gli effetti sono devastanti e le cause partono da lontano

Maria Ronca, Sociologa

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla