L’ombra

DI ROBERTO DE PONTI

 

Pensieri rilucenti di pioggia
in distorte cantilene fusi,
improbabile alchimia
di innocenti sguardi.
Mani volteggiano come passeri
su pentagrammi di note,
solfeggi in vortice di polvere
che leggera si solleva,
spargendo sogni
di ore lunghe come giorni
ed anni divenuti secoli.
Odore d’ inverno si posa
su deserti di silenzio immobili,
ove non v’ è più luce.
Ombra immobile
che nella nebbia si dissolve.

# cultura# #poesia# #versi# #poetando# # poeti# #scrittori#

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società