Luca Barbareschi torna in tv con “In barba a tutto”: “Il politically correct è il nuovo cancro”

di Cinzia Marongiu

Dici Luca Barbareschi e leggi provocazione. Caustico, spiazzante, colto, istrionico. La vita di questo attore, produttore, regista, è il paradigma dell’essere controcorrente, un manifesto dell’anticonformismo. E non c’è dubbio che anche questa volta farà parlare di sè. Con “In barba a tutto”, da lunedì 19 aprile rigorosamente in diretta, atterra sulla terza rete di Franco Di Mare, da sempre la riserva indiana della sinistra nella Tv di stato e lui, che non ha mai nascosto le sue simpatie politiche per l’altra sponda, arrivando perfino a candidarsi nel centro destra alle elezioni del 2008, quando si chiamava Popolo della Libertà, in questa videointervista esclusiva concessa a Tiscali.it si dichiara invece di sinistra.

Luca Barbareschi (65 anni) torna in tv con “In barba a tutto”. Attore, produttore, regista, patron del Teatro Eliseo a Roma, Barbareschi è legato ad Elena Monorchio, con la quale ha avuto due figli, Maddalena e Francesco Saverio. È stato sposato con Patrizia Fachini, dalla quale ha avuto le figlie Beatrice, Eleonora e Angelica. Foto Ansa

E spiega il perché. Ma nella chiacchierata con questo istrione del palcoscenico sono tantissimi i temi trattati, dal politically correct ce “è il nuovo tumore della società occidentale” all’amore che dopo una vita sentimentale movimentata ha finalmente trovato: “Non ci crederete: con la mia compagna (Elena Monorchio, ndr) non andiamo d’accordo quasi su nulla. Ma alla base c’è il rispetto. Il segreto dell’amore sta tutto lì”.

da spettacoli.tiscali.it

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla