Luna nuova

DI FEDERICA SIMIONATO

Dammi una mano
di carte senza seme,
il tempo di posa
del nero della notte.

Il morso ancora bianco
di quella prima mela,
acerba
come l’odore di un’alba sconosciuta.

Dammi una mano, l’anima e ogni ruga,
domani sarò un’altra luna nuova.

Immagine tratta dal web
—————-