L’unico vero galantuomo

DI OTELLO AURELIO VALENTINI

Forse abbiamo sbagliato tempo
o smarrito la strada dignitosa
Le stagioni dalle lunghe nevicate
col sole pulito e la luna sfacciata
Le parole buone di rivalsa e riscatto
nelle linde serate al parco delle utopie.
Abbiamo venduto il libro delle favole
chiudendo Alice nel castello di Barbablu
il lupo in catene nel giardino della strega
Svilito i nani alla catena di montaggio
per far sentire grandi i folletti
Il tempo non ha memoria
quando gli uomini si svuotano
del senso vero della vita
E le favole non si riflettono
sul lago delle Anime semplici
se ai bimbi s’ insegna la guerra
Abbiamo sbagliato tempo
Perso le fiabe e le morali
Ci restano gli spiccioli di sorrisi
delle buone ironie e del vino sincero
che ancora teniamo a memoria.
Ci resta la dignità di averci creduto.
di aver a nostro tempo lottato.
Rimane la certezza
che seppur smarrito,
il tempo, lui almeno,
resta l’ unico vero
Galantuomo.

 

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla