Nera come la notte

DI GRAZIELLA DE CHIARA

Nera come la notte

Sarò rosa e le sue spine di sera
verseggiando marasmi d’anima,
nera come la notte in questa sorte
che sbatte e prende fosse
Così sarò, sia inverno o primavera
ho rotto i tempi in questa vita buia
no, non voglio più petali di velluto
su questo stelo che sa d’arsura
e costrizioni
nella mente che scoppia e penetra nelle vene
Sarò rosa nera, fino alla fine dei miei giorni,
spine affilate lungo i bordi a sfrangiare la vita
che sfugge con i suoi respiri
vuoti a perdere ,
come i sassi nello stagno
e i loro cerchi che tornano,

la debolezza di un bacio.

Immagine tratta dal web

#grazielladechiara#