Pallidi mattini

DI ROBERTO DE PONTI

Pietre di fiume
immerse nella corrente
ripetono all’ infinito
contorni di parole sospirate
in barriere frantumate.
Esposto al mondo
si dilatano i confini
di polverose incertezze,
ad assorbire calore
di riflessi spontanei
per ricucire gocce,
rivelare increspature,
tracce di polvere
in pallidi mattini

©® Copyright foto di Roberto De Ponti

 

scrignodipandora

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e attualità