Per Chiara #Ugolini sarà fatta giustizia?

di Maria Parente

Uccisa con uno straccio imbevuto di candeggina: Chiara Ugolini, 27enne veronese, avrebbe lottato contro l’assassino forse per difendersi da un’aggressione a sfondo sessuale.
Lui è Emanuele Impellezzeri, 38enne che stava scontando una condanna per due rapine e, a distanza di tre giorni dall’accaduto, ancora non sa fornire una motivazione che possa giustificare l’omicidio.
Accade non di rado che uomini in preda a un raptus si avventino sulla vittima prescelta privandola della vita, come se si sentissero in dovere di agire e punirla per motivi del tutto inconsistenti.
E l’attenuante gioca sempre un ruolo fondamentale: disturbi psichici, alcool e droghe che interferiscono con il normale equilibrio della psiche.
Chiara è solo la terza vittima di #femminicidio in soli due giorni.
Sarà fatta giustizia? (Dietroilpregiudizio.tv)
#ugolini  #femminicidio
*Immagine pixabay

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società