#Poesia: ‘Sogni’

di Simona Melis

Sogni,
come luoghi sconosciuti
vengono a cercarmi,
la notte,
quando il pensiero si placa e
il silenzio vince il brusio costante
della mente.
Sogni,
come immagini inspiegabili,
mi trasportano in un altrove misterioso,
nel buio,
dove tutto prende forma e
si va dove
il perché abbraccia
l’invisibile.
Sogni,
come lune che si rincorrono,
soli che sorgono,
nel tempo,
in cui sconosciuti parlano e
pronunciano frasi che non ascolto e
si ripetono di giorno,
quando la luce vince il buio.
Sogni,
come storie lucide,
confini infiniti,
nello spazio,
dove sempre si può,
senza catene,
nella libertà del viaggio.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante cielo, natura, strada e albero

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società