Prossimi alla zona bianca in tutta Italia

DI FRANCO FRONZOLI

Dal tricolore al monocolore sembra che il passo sia breve. Per fortuna.

Zona bianca o zanna bianca?

Entrambi.

Il primo una speranza ormai a portata di mano, il secondo, un capolavoro dello scrittore Jack London.

Il primo un virus, il secondo, un lupo ibrido e selvaggio. Due capolavori nel bene e nel male.

Ma cosa ci ha insegnato quel microscopico virus? solo a lavarci le mani, a prestare attenzione al distanziamento sociale, ad utilizzare la mascherina, a deambulare per le varie stanze della casa ( chi ce l’ha ), oppure a darsi da fare nelle nostre   palestre domestiche ?

Speriamo proprio di no.

Speriamo che ci abbia insegnato inoltre quanto sia dannosa la privazione degli affetti, la limitazione della libertà, l’importanza della ricerca nella speranza di un ritorno alla normalità.

La frase più declamata in questi ultimi giorni è : “  si vede la luce in fondo al tunnel “ . Ricordo che fu ripetuta con gioia l’estate scorsa, quando, abbiamo troppo velocemente dimenticato il termine “ cautela “ .

Ma noi italiani, siamo spiriti liberi, abbiamo reagito con grande, immensa irresponsabilità.

Non tutti  chiaramente.

Sta di fatto che quella luce fu spenta, e la galleria o il tunnel, ripiombò nella “ selva oscura “ .

Questa volta sarà diverso?

Non lo sappiamo ma, è palese che ci è venuto in soccorso il vaccino, di diverse denominazioni, ma tutti efficaci, sembra.

Adesso si aspira alla “ immunità di gregge “ , e gli italiani di
“ gregge “ dovrebbero intendersi, ma non solo gli italiani.

Comunque sembra che la doccia fredda ricevuta lo scorso anno abbia fatto aumentare il senso di responsabilità.

Ieri, a Chiavari, ho conversato con il gestore di un bar, rilevando nel suo volto, dopo le riaperture dei locali, paura e ma anche, fortunatamente, speranza.

 

Essendo curioso, durante questo  ho appreso  che questo uomo ha perso un  fratello deceduto a causa del Covid, che sta vivendo una crisi economica rilevante, ma recuperabile,  e che anche i clienti, del bar, hanno una condotta timorosa.

Ho saputo che dei due “ aiutanti “ , uno è stato licenziato, l’altro lo sarà se non si vedrà una ripresa accettabile dell’attività.

In seguito, sono entrato in una chiesa, ed hopotuto notare la disciplina quasi militaresca dei presenti, e nei loro occhi, una traccia di dolore.  

 Mentre fuori, il cielo, continua a regalarci  sprazzi di azzurro!

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla