Puntuale notte arrivi

DI HORION ENKY

 

Puntuale notte arrivi a farmi compagnia, seguita dai fantasmi dei miei ricordi,
nei deserti della solitudine, dove un lieve vento sposta la sabbia, facendo intravedere scheletri di un passato mai sopito.
La mia mente apre il cancello di un ormai arido giardino,
là dove mi accompagnavi ma, da quando lei non c’è,
è divenuto il regno delle sterpaglie morte, che la fanno da padrone.
Che ne rimane del castello,
dove tornavo dai fasti, come un guerriero vincitore?
Ora quel trono è occupato solo dalla polvere,
non c’è più scettro né corona, più nessuno che mi osanna.
Solo tu notte, mia amica e compagna, rimani al mio fianco silenziosa,
accompagnandomi sino ai primi pallori di una nuova alba.
I canti dei galli e i latrati dei cani sembrano salutarti,
avanti il tuo dissolvere, per permettere alla luce di arrivare.
Ecco…all’improvviso, il silenzio scompare, rotto dai suoni e dai rumori dell’affanno quotidiano.
Come tu non mi abbandoni e, in silenzio, rimani ad ascoltare le mie follie,
così io non ti abbandono e ti accompagno nel sonno giornaliero.

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società