Quei momenti no, che incontriamo vivendo

DI FRANCO FRONZOLI

Ci sono momenti nella vita che vorresti non aver mai vissuto, dove le responsabilità sono talmente pesanti, da farti rifugiare nel silenzio.

La vita è senza delega nessuno può viverla al tuo posto, così come, nemmeno la paura si può esportare.

Ci sono riflessioni più dolorose dei pensieri che macinano il presente richiamando il passato, quel passato responsabile del dolore del presente.

E si vive nel timore del futuro senza pensare che è il presente da curare, da guarire, spazzando quelle ombre che procurano dolore. 

Questa ombra che ci cammina affianco, ci rende inerti, privi di forze reattive e ci ritroviamo spesso a fingerci morti per paura di vivere.

Ci manca la rivoluzione interiore, il coraggio di affrontare a faccia aperta le difficoltà senza nasconderci, tanto i problemi non si dissolvono scappando, ma combattendo.

Dobbiamo avere la forza di esorcizzare le paure che ci assalgono, ci immobilizzano, ci fanno sedere su una panchina con la testa tra le mani.

Le nostre difficoltà, i nostri timori, sono contagiosi e si riflettono sulle persone che ci sono più vicine.

Nessuno, nemmeno l’amico più sincero, può aiutare portando parte del  nostro fardello sulle sue spalle.

La responsabilità è parte integrante della vita, quella che ci può far cadere oppure continuare a camminare, tenere la testa alta o farcela abbassare.

Mai schivare le responsabilità perché sono problemi che se non superati si ripresentano costantemente.

La vita è bella anche perché ci dà la possibilità di lottare, di camminare sulle nostre gambe.

La vita ha il profumo di un’orchidea, e noi dobbiamo annusarla per non perderne la fragranza…

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società