Quel libro che ha cambiato la mia vita

DI FRANCO FRONZOLI

Si trovò da solo Andrea  a percorrere una strada impervia: erba alta, alberelli genuflessi, un rivolo d’acqua che scendeva dai monti.

Alzò gli occhi e riuscì a vedere una casupola in legno a circa 200 metri di distanza da dove si trovava lui.

Sorrise.

Percorse quella distanza lentamente, senza fretta, aveva tanto tempo davanti  a sé.

Aveva lasciato il suo regno fatto di animali  laggiù in una collina, le sue dieci pecore, le trenta galline, i suoi tre galli, ed ancora cinquanta conigli, un asino,  dodici anatree la sua  mucca.

Poi, poco più in basso, si trovava un terreno vasto dove aveva coltivato un poco di tutto.

C’era anche il suo amico cane, che era in grado di badare a tutto,  a d cui doveva dare da mangiare e da bere.

Grazie al suo cane poté percorrere quelle vie in mezzo a boschi, era un’ottima guida, il percorso proseguì fino a quando vide quell’ammasso di legna che formava una “ catapecchia “

Entrò Andrea, intimidito, ma vide subito che non c’era nessuno. Era solo un  luogo disadorno in cui vi era un  ripiano su cui, era appoggiato un libro aperto con tanta polvere sopra.

Trovò, in un angolo, una sedia malandata, con tante ragnatele che la ricoprivano.

Prese il libro, e nella prima pagina lèsse : “ Il regno degli animali e della agricoltura … come vivere nella natura “ .

Troppo lungo il titolo, disse a se stesso.

Ma incuriosito da quelle pagine scritte a mano, di sicuro con una  penna d’oca, puli la sedia e si mise a sedere.

Iniziò a leggere il libro.

Arrivato alla metà delle pagine si accorse che tante cose, contenute in quegli scritti, non le conosceva, non sapeva ad esempio che ci fosse  un sistema per far produrre più latte alla mucca, si trattava della musica.

Per ogni animale che teneva laggiù, c’era un consiglio su come trattarli e sulle corrette abitudini da insegnare loro.

C’erano anche tre pagine che spiegavano come far fare più uova alle galline e su come trattare l’asinello.

Le ultime trenta pagine trattavano il tema della coltivazione, imparò il tempo della semina e come far crescere pomodori, zucchine, fagiolini e tutto ciò che il terreno può donare.

Tornò nel suo regno, prese a cuore adottandoli, i suggerimenti del  libro e  scoprì che la mucca faceva più latte, le galline più uova.

Iniziò a fare la semina trovandosi nel periodo giusto, quello suggerito dal libro, curò gli alberi da frutto e … attese.

 

Era stanco e si addormentò su un prato fiorito, con il libro adagiato sotto la sua testa.

Si svegliò e vide che tutto era cresciuto, e si mise a raccogliere, felice ciò che gli serviva per il pranzo.

Vide che gli animali stavano bene, raccolse venti uova dal pollaio e munse due litri di latte.

Una volta a casa, prese il libro e lo sistemò nell’angolo più bello della vetrina.

Ecco, disse a se stesso, leggere arricchisce, non solo le tasche ma anche il cuore e la mente.

Oggi Andrea con dieci operai, tutti suoi amici, vende ogni ben di dio  alle persone di un villaggio vicino. La sua fattoria, ampliata, rimodernata ha sull’  gresso una grande targa con scritto : LIBRO…

#racconti# #creativita# #storie# #scrivendo#

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società