Robin Norwood, “donne che amano troppo”, una lettura che fa riflettere

DI FRANCO FRONZOLI

Ho letto questo libro per curiosità , anche per capire quello che la Norwood , dipinge a tratti come un problema .

Ritengo sia un’ introspezione psicoanalitica , su quelle donne che amano troppo .

Lontano dai miei pensieri , contraddire , una scrittrice “ terapeutica “ come Robin Norwood , ma credo , che anche gli uomini possono rientrare in questa categoria .

Non ci sono forse uomini che “ amano troppo “ ? Sono le conseguenze che differiscono .

Un uomo che “ ama troppo “ può uccidere una donna , come la realtà giudiziaria insegna .

Una donna , ci può provare , può sentire l’istinto di “ uccidere “ , ma la casistica ci dice il contrario .

Concordo con Dacia Maraini che si leggono spesso sui libri i termini : “ passione , perdizione , delirio “ ; è forse questo che porta al
“ mal d’amore “ ?

Il primo Brema , credo sia molto più complesso , difficile da far emergere , esaminare , curare .

Ma si può curare il mal d’amore ?

Non è facile .

Molto spesso chi ama troppo , lo fa anche per paura ; paura di rimanere sola , paura di essere ignorate , oppure abbandonate .

La psicanalisi , da quello che si legge , trova che la “ paura “ nasce con sguardo retrospettivo , dalla infanzia , quando si sono fatti i primi conti con i ruoli familiari : amore per il padre , attaccamento alla madre , esperienze di violenza , terrore dell’abbandono .

Amare troppo , oggi diversamente da ieri , viene ritenuto un fattore pericoloso e debilitante .

Condivido in pieno .

Un passo ritengo importante da sottolineare : più una donna tende ad essere assicurata da “ lui “ , più sempre “ lui “ tenterà di fuggire .

Lei per evitare questa “ fuga “ si adatterà a fare da infermiera , “ serva “ , madre , sorella , confidente , consolatrice , aiutante .

Questo errore può rivelarsi devastante , per la donna , l’origine di una sottomissione tout court .

In realtà nessuno può controllare nessuno . Per questo la gelosia è insensata ma difficile da dominare .

Il possesso in amore ( ma non solo ) è una illusione stupida , in nome della quale si fanno tante , troppe sciocchezze.

La donna deve sviluppare la indipendenza amorosa , così preziosa ma ancora troppo impopolare tra le donne .

È chiaro che l’intento di questo libro è aiutare tutte le donne che “ amano troppo “ , ma quando l’amore è estremamente “ deviante “ non sarà facile il tentativo di “ recupero “ .

È un libro non facile , che va letto metodicamente , lentamente , ritornando sulle pagine precedenti , se del caso .

Ma si tratta di un libro interessante , che  , come uomo , condivido solo in parte ; gli uomini non sono diversi , anche loro si dovrebbero sottoporre ad una seduta “psicoanalitica “ .

Se non altro per frenare la “ violenza “ che sembra esplodere troppo spesso verso le donne .

#cultura# #libri# #leggere# #recensioni# #consigliperlettureintelligenti# #scrittori#

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società