#Sardegna in fiamme. Una notte da incubo

di Michele Piras

Siamo noi il bosco che brucia, noi la paura nelle case, noi le attività in cenere, noi la terra nera e gli animali carbonizzati.
Siamo noi il fumo acre e tutti gli ettari di una terra meravigliosa che ogni giorno viene violentata, in ogni angolo e in ogni paese, dall’ignoranza e dalla cattiveria.
Siamo noi Santu Lussurgiu.
Siamo noi che perdiamo ogni giorno un pezzo della nostra più grande ricchezza, come fosse un polmone o un rene o un occhio.
Un abbraccio speciale a Santu Lussurgiu Monterra, il paese dei miei bisnonni, e ai lussurgesi.
Un paese meraviglioso, di tradizioni profonde, lavoro e orgoglio.
Ricordandoci sempre che questa piaga la si potrà sconfiggere se tutti inizieremo a fare la nostra parte.
I cittadini, gli enti locali, la Regione e lo Stato.
Servono più risorse per la prevenzione, più mezzi, più organizzazione e più educazione.
E un giorno, di questo incubo, se ne potrà parlare al passato.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante cielo*Immagine di copertina tratta da Vistanet.it

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società