Se tu tornassi

DI LUCIANO ZAMPINI

Bere quel bacio è stato un sorso di vita
un’oasi di disperata speranza sotto il sole furioso
un delirio per la fremente mente
nella turbolenza immaginaria d’un bambino.

Nasceva così il piacere dell’onnipotenza.
Il cielo, le stelle, la terra
tutto è come uno svelarsi al tocco libertino.
Lingue senza parole a duellare sullo scranno.

Un volo senza rete nell’equilibrio d’un respiro
e noi, giovani rondini, a perderci in mille galassie.
Stretti nella morsa del volerci ci rifuggiamo
nelle braccia dell’altro senza scendere a patti.

Un sorso, un solo sorso ancora prima di lasciarci
prima ch’io muoia di stenti e ricordi
innaffiando gli attimi di passato vissuti negli impeti…
Se tu tornassi, anche l’amore si risveglierebbe di nuovo.

Solo a pensarti gli occhi si riempiono di luce.

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e attualità