Sono le azioni che fanno gli Uomini, non le parole

di Giovanna Mulas

Se in una classe di ventuno giovani allievi venti mi risultano volenterosi e uno è svogliato, chiuso e indietro con le lezioni, io seguirò soprattutto quest’ultimo.
Farò l’impossibile per prepararlo -anche con durezza materna se necessario- alla stessa stregua degli altri venti che, ovviamente, necessitano meno della mia guida. Eppure, oggi, c’è ancora chi abbandona, anziché spronare.
La scuola come la vita.
. È chiaro che le parole si sprecano, hanno perso in dignità e significato: la corsa tra gli specchi prosciuga dentro quanti appaiono e, col tempo, quanti fanno apparire.
Amici miei: le cariche, i soldi e gli allori a nulla servono, se non si è consapevoli che la miseria umana invade il mondo, ed è Su e In questa fetta di società che occorre lavorare. Sappiamo Luce preziosa Chi conosce se stesso e in se stesso, prima che intorno, trova e divulga un senso dell’esistere Qui, Ora.
Non a caso, Qui e Ora: non credo al caso.
Richiamo quella profonda, costante, coerente responsabilità che deve avvertire, sugli eventi,
la parte intellettuale di ogni Paese.

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.