Tempesta nel borgo

DI ANTONIO MARTONE

 

E tu
Tu che lo ascolti e gli parli
E ogni ora
Ogni minuto lo vedi
Vaglielo a dire
Che non c’è quiete stasera
Nel borgo

Velature prese d’assalto
Sul viso sbattuto
E bagnato
Sul viso sbattuto e bagnato
Di nevischio gelato

Le onde
Tormentano il ventre
Il ventre delle barche ormeggiate
Dei lampi i riverberi
Attonito scorgo
Sulle creste più alte
Impennate
Ricadute
Frantumate
E rifratte sulle pietre rocciose

Mani callose
Radunano
Radunano gli antichi strumenti
Semichiuse
Semichiuse le fessure degli occhi

Niente pesca signore
Stanotte
M’han detto
Il cielo è un manto di lutto
E adesso
Adesso è meglio andarsene a letto

Nell’aria sbattuta
I segni certissimi
Di lontane e misteriose inquietudini
E il mare
Pulsante all’unisono
È come un amante fedele
Che vive
Che vive le stesse emozioni del cielo

Da dove vieni
Dimmi
Chi è che ti spinge
E perché
Perché sempre di nuovo ritorni
Ritorni sulla strada segnata
E perché ci travolgi
Perché ci sconvolgi i capelli e le idee
Non sai per disporle
Quanta fatica abbiam fatto

E tu
Tu che lo ascolti e gli parli
E ogni ora
Ogni minuto lo vedi
Vaglielo a dire
Che non c’è quiete stasera
Nel borgo

#poesia#cultura#poeti#emozioni#scrivere#

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società