#Tokio2020. Il 10° oro profuma di Sardegna: Filippo #Tortu trascina l’Italia nella storica staffetta 4×100

di Chiara Farigu

Ci ha impiegato qualche frazione di secondo per capire di aver tagliato il traguardo per primo. E quando ha realizzato che il suo sprint finale, nella staffetta 4×100, valeva la 10^ medaglia d’oro per l’Italia, Filippo #Tortu è scoppiato in lacrime.

Un pianto liberatorio che lo ha ripagato della delusione di qualche giorno prima quando è stato eliminato nella semifinale dei 100 metri, con i 200, la sua  specialità. Quella che lo aveva catapultato ufficialmente nella leggenda dell’atletica quando al meeting di Madrid del 2018 riuscì, primo tra gli italiani e terzo atleta bianco di sempre a correre i 100 metri sotto i 10 secondi (9”99).

La sua finale l’ha vinta oggi Filippo, trascinando  i suoi compagni di squadra,  Lorenzo Patta (il più giovane dei 4, sardo doc di Oristano), Marcell Jacobs ed Eseosa Desalu in una staffetta che resterà nella storia, chiudendo in 37”50, davanti alla Gran Bretagna, battuta per un solo secondo, e al Canada.

Pippo, come viene affettuosamente chiamato in famiglia è milanese di nascita ma fiero delle sue origini sarde che ha ereditato dal babbo Salvino, originario di Tempio Pausania, a sua volta velocista di un certo prestigio, che gli ha trasmesso l’amore per l’atletica e la fierezza di appartenere alla ‘madre-terra’.

Mi sento un sardo a tutti gli effetti”, ebbe a dire Pippo durante un’intervista. Un sardo tiene sempre alla propria terra, sempre e ovunque, io non mi sono mai sentito lombardo, con grande dispiacere di mia madre che prima o poi dovrà farsene una ragione”.

Già, la mamma. Incontrata da Salvino a Roma, ai tempi dell’Università. Un amore nato tra i libri sfociato poi nel matrimonio e la decisione di mettere casa a Carate Brianza, alle porte di Milano. Nella terrazza, in vaso, alcune piante autoctone sarde, per respirare i profumi dell’isola durante tutto l’anno.

I quattro mori nel Dna, come l’atletica che Filippo ha iniziato a praticare a 8 anni, nella Polisportiva Besanese. Nel 2010 si aggiudica il titolo di ragazzo più veloce di Milano, frequentava le scuole medie, ma quella vittoria gli indica la strada: l’atletica sarà la sua ragione di vita.

Allenato da papà Salvino, gli anni a venire saranno pregni di soddisfazioni per il giovane campione: vittorie su vittorie ma anche qualche inciampo. Traumatico quello delle Olimpiadi giovanili, durante le batterie dei 200 metri, quando cadde sulla linea d’arrivo, rompendosi entrambe le braccia e non potendo disputare la finale.

Un infortunio che avrebbe messo ko qualsiasi sportivo. Non lui. Non Pippo Tortu che aveva un sogno da realizzare: battere il record della Freccia del Sud, il mitico Mennea.

Impresa poi realizzata alla grande, con babbo Salvino al suo fianco, sempre.

Oggi la gioia più grande: l’oro. Con i suoi compagni di squadra. ‘Quando ho letto Italia sul tabellone non ci ho capito più niente’, ha commentato a caldo con gli occhi ancora lucidi di pianto e le mani tra i capelli.

Per l’Italia è il 10° oro. E cinque arrivano dall’atletica, la regina delle discipline olimpiche. 38 le medaglie complessive vinte in questa #Olimpiade che sembrava non volesse decollare per il nostro Paese.

‘Non svegliateci mai più, non è possibile: siamo in cima al mondo’, commenta sul suo profilo facebook…

E non è ancora finita. Ad attenderlo ora la gara dei 200 metri. Chissà…

#Tortu  #Olimpiade

*Immagini tratte dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società