Tramonto sulla torre di Cerrano (TE)

DI VINCENZO CERASANI

©® Foto di Vincenzo Cerasani

Tramonto sulla Torre di Cerrano – Pineto (TE)

Nel 1251 la guelfa Atri ricevette dal Cardinale Pietro Capocci, tra gli altri privilegi, quello di costruire un porto; concessione confermata nel 1255 da Papa Alessandro IV con l’indicazione in Penna Cerrani (sulla Punta del Cerrano).
Durante il regno di Carlo II d’Angiò appare per la prima volta una “vecchia torre” in Penna Cerrani la cui ricostruzione, con una disposizione del 1287, reiterata nel 1293 e 1294, viene posta a carico anche degli abitanti di Silvi e Montepagano, che avrebbero poi tratto beneficio dalla possibilità di ricoverare le navi e di commerciare; analoghi ordini furono emessi nel 1310 e nel 1352.
Nel 1388 gli introiti del porto furono destinati al suo restauro per volere del re Ladislao di Durazzo e della regina madre e reggente Margherita di Durazzo; analoghi provvedimenti furono presi più volte nel tempo, allo scopo di mantenere il porto in efficienza; nel 1419 fu rinnovata ad Atri l’autorizzazione a riscuotere un pedaggio destinato anche alla custodia del Castello e Porto di Cerrano.
Il porto di Cerrano fu incendiato e devastato nel 1447 da una potente flotta comandata da Andrea Loredan inviata dalla Repubblica di Venezia, in guerra con Alfonso d’Aragona, per distruggere i porti dell’Adriatico compreso l’Antico porto di Atri.

Fonte/Source: https://it.wikipedia.org/wiki/Torre_di_Cerrano

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società