Un altro mondo è possibile

DI RICCARDO ANCILLOTTI

 

Il sacrificio fatto dai nostri padri e nonni, non e’ nemmeno lontanamente paragonabile a quello che facciamo oggi, noi, per i nostri figli.

La loro vita e’ stata un continuo camminare forzatamente su strade sterrate, pietrose, irte di ostacoli, per riuscire a far crescere i propri figli in modo che un domani potessero vivere molto meglio di loro e magari acquisissere un briciolo di esperienza da cio’ che hanno ricevuto dai loro genitori.

Ci sono riusciti ?
Difficile dirlo!
Sicuramente, le condizioni di vita sono state migliorate, ma quelle comportamentali, come ambizioni equivoche, il rispetto assoluto per gli altri, il rifiuto dell’arroganza e la non esasperazione del proprio “ego”, loro non potevano saperlo, ma viaggiano in parallelo sempre con la pancia piena e se ne fottono troppo spesso di “valori”, che costringerebbero l’essere umano ad essere sempre e comunque tale.

Un altro mondo e’ possibile, ma di strada da fare ce n’e’ ancora tanta e che si capisca che siamo prima di tutto il frutto del passato e’ il punto di partenza, perche’ quanto al sapere siamo solo vicini allo zero

Pubblicato da scrignodipandora

Osservare la realtà per raccontarla