Un amore che non tremi

DI ANTONIO MARTONE

 

L’orizzonte muta
Cambia colore di continuo
E confonde la mia vista
Ombre diradanti
Soltanto
Affollano le pupille
Mentre nuvole si rincorrono
Come frementi amanti
E le foglie morte
Leggerissime
Cadono
Come giorni persi

Ci vorrebbe la quiete
In questo incessante moto
Vorrei un amore che non tremi
Che lavi i passati amori
Vorrei un’orchestra ed armonie celesti
Al posto del rumore
Ottuso ed opprimente
Delle rotaie lucide
E dei treni reboanti
Che trafiggono lo spazio
Che giungono e poi ripartono
Sempre

Il mio avvenire
Mi guarda da lontano
E un mio cenno aspetta
Nel vento i miei pensieri
Nel vento grigio di novembre
In un mattino senza sole

Mi avvicino a tutto
E per tutto provo pena
Soltanto a me
Perdono mai concedo
Evaporano
I miei pensieri evaporano
Per poi cadere in pianto
Sul mio torace stanco

Tremo ogni mattina
Come nell’istante della nascita
D’erba
I covoni sono mille
E poi covoni mille ancora
E all’orizzonte e fino al sole
Si perdono alla vista
Come puntini scuri
Smarriti nello spazio

Nacqui
Sul finire del giorno
Nacqui
Frettolosamente

(Foto dal web)

scrignodipandora
Latest posts by scrignodipandora (see all)

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società