Covid, scuola e dad: perché i genitori non possono dire la loro?

DI SIMONA MAZZEO

Si parla di terza ondata sicura a Gennaio ed io dovrei dormire serena mandando le mie figlie a scuola?

Non esiste che dopo aver osservato ogni cautela possibile ed aver creato una routine ed un equilibrio che permette di fare un’ottima didattica a distanza, si debbano mettere a rischio i nostri figli, le famiglie, gli insegnanti.

La compresenza in un’aula chiusa di circa 20 alunni facenti parte di 20 famiglie con componenti che lavorano, fanno la spesa, ecc. significa che: se anche un solo piccolo malauguratamente contraesse il virus e fosse asintomatico ( per cui salvo un controllo specifico nessuno se ne accorgerebbe), potrebbe contagiare o obbligare alla quarantena preventiva, considerando nuclei familiari di 4 persone, in una sola settimana fino ad 80 persone.

Ma in realtà molte di più perché i genitori lavorano e quindi hanno anche essi ulteriori contatti.

Significa che a Gennaio gli ospedali potrebbero riempirsi in un lampo e non ne usciremmo più.
E poi Gennaio è da sempre il periodo in cui le influenze stagionali galoppano e i bambini si ammalano e portano virus a casa.

Aveva più senso farli continuare fino a Novembre e chiudere adesso.
Non è giusto che i genitori non possano scegliere se optare per la Dad piuttosto che la didattica in presenza.

Ribadisco che per quanto non sia paragonabile per tantissime ragioni all’apprendimento in aula io credo che anche a distanza si stia lavorando in maniera eccezionale.

Le uniche certezze che ci sono rimaste in questo anno di merda sono gli abbracci sicuri dei nostri figli, dei nostri cari.

Stiamo attendendo un 2021 di svolta, rinascita e speranza.
Non ce la facciamo a subire in silenzio scelte e decisioni scellerate.

LA SALUTE E SICUREZZA DEI BAMBINI E DELLE FAMIGLIE SONO LA PRIORITÀ ASSOLUTA.

Basta esperimenti sociali sulla nostra pelle e mente.
Le mie figlie sono il mio cuore che cammina, la mia carne, il mio respiro e resteranno a casa!

Ci avete rotto le scatole, Tutti!

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di informazione