Incidenti stradali: come non restare con il danno e la beffa

SE SUBISCO UN SINISTRO STRADALE QUANTO TEMPO HO PER RICHIEDERE IL RISARCIMENTO ALL’ASSICURAZIONE ?

Ho subito un #incidentestradale e mi sono fatto molto male. Quanto tempo ho e, soprattutto, ogni quanto devo rinnovare la richiesta di risarcimento all’assicurazione?

L’art. 2947 c. 2 cc stabilisce che in materia di sinistri da circolazione stradale il diritto al risarcimento del danno si prescrive in due anni. Sicché soprattutto in scontri che comportino una malattia molto prolungata nel tempo è bene che il danneggiato non perda la memoria nello scontro ma si attivi per inviare a scadenza biennale una richiesta di liquidazione a mezzo raccomandata o pec all’agenzia assicurativa o alla sede della Compagnia o a colui che ha causato il danno.

Tuttavia, ai sensi dell’art. 2947 c. 3 cc se il fatto è considerato dalla legge come reato e per tale reato è stabilita una prescrizione più lunga, questa si applica anche all’azione civile. Questo significa che se l’incidente in astratto poteva configurare un’ipotesi di reato ( ed oggi è molto facile che un incidente possa essere configurato come reato, anche solo per la violazione delle norme del codice della strada ), la prescrizione prevista per il reato è applicabile anche anche al risarcimento dei danni.

Tuttavia questa seconda ipotesi è sempre in balia di una interpretazione umana; pertanto meglio affidarsi al termine prudenziale di due anni per inviare la richiesta di risarcimento del danno da sinistro stradale.

E ricordatevi che se le attività istruttorie dell’assicurazione proseguono nel tempo queste non interrompono il decorso del termine prescrizionale: serve necessariamente una comunicazione in cui si richiede la liquidazione del danno! (FONTE: Faro Giuridico)

#incidentestradale

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società