La verità ci rende liberi, si. Ma qual è, la #verità? Ed esiste, UNA verità?

di Giovanna Mulas

Elucubrazioni su ‘Verità’.
Esistono verità relative,  ognuno di noi ne ha una e ben venga comunque la diversità, quando costruttiva; solo tramite l’interazione costante, il confronto -meglio ancora se di culture, Paesi diversi- si riesce a crescere.
Sovente la dottrina, UNA dottrina, c’impalla la testa, e non m’importa quanto abbiamo studiato, dove e come; risaputo che è proprio tra gli ignoranti (e in fondo tutti lo siamo) che si cela la saggezza, s’alberga il genio. In realtà vita ed esperienza mi hanno insegnato che tutto è molto più semplice; ma occorre sentire, più che vedere.
Pure è necessario non perdersi nell’azione pronta, la senza riflessione, ché l’istinto puro, sappiamo, fa la bestia, non l’uomo.
La verità ci rende liberi, si. Ma qual è, la verità? Ed esiste, UNA verità?.
Verità provata, ad esempio, è che l’acqua bolle al raggiungere i cento gradi.
Pure, è provato scientificamente che l’acqua in montagna bolle prima che in pianura; La scienza spiega che più si è vicini al livello del mare e più la pressione dell’atmosfera è elevata. In montagna più si sale di quota, minore è la pressione atmosferica.
Un liquido va in ebollizione quando la sua pressione interna diventa uguale a quella dell’atmosfera. In montagna, invece, poniamo di essere a 3000 metri d’altezza, la pressione atmosferica è minore che a livello del mare. Perciò la pressione interna dell’acqua (che non cambia tra mare e montagna) diventerà uguale a quella atmosferica in meno tempo. Ergo l’acqua comincerà a bollire alla temperatura di 70°C circa, anziché ai 100 °C che servono sul mare.
Ebbene, per la mia nonna che non aveva potuto studiare, donna di terra come la maggior parte delle donne italiane,
bastava che l’acqua bollisse: ella sapeva bene che aumentando la temperatura l’acqua avrebbe bollito prima; tutto qui, e questa verità, la sua verità ma che rappresenta anche la mia ancorché in parte, è una verità provata.
Ancora, la verità ci rende liberi, si. Ma qual è, la verità? Ed esiste, UNA verità?.
Prima di incanalarmi in studi sui temi a me particolarmente cari, ovvero filosofia, teosofia, antroposofia, psicologia;
ne avvisavo un’attrazione fortissima e già da bambina, tramite sguardi attenti al gesticolare non calcolato di terzi, ad esempio,
a certi tic che rivelano la tensione, o al semplice scatto improvviso di un mignolo, oppure il tocco dell’asticella degli occhiali, lì a rivelare la menzogna dell’affermazione.
O, ancora, i sogni, o l’attenzione verso avvenimenti che qualcuno tra noi potrebbe definire senz’ombra di dubbio peculiari in quanto a preavviso di accadimento.
A varie mie morti mentali di cui scriverò se riterrò opportuno.
Vero è che fino al raggiungimento della maturità mentale, quella che sai di possedere solo quando l’hai, sapendo che mai ti basta, come la cultura; non ho voluto approfondire i temi e per scelta, forse anche sbagliando, in ogni caso per non condizionare troppo un mio pensiero fisiologico, naturale, il legato al comune DNA, diciamo così, l’allacciato agli eventi che mai accadono per caso.
All’esistenza quindi di ciò che avrei potuto trarre come educazione prettamente pura (la mente inganna, mi s’insegna!)
dall’ abbracciare un albero, o dal ‘comunicare’ con le foglie carezzandole, e avvisandole ‘rispondermi’ vibrando.
Siamo animali, amici e fratelli di cammino; non dimentichiamolo e, soprattutto, non rinneghiamolo. Amare tutti gli esseri viventi -e intendo del mondo animato come quello che a noi pare inanimato) significa amarci e rispettarci, garantire il servigio stesso della Natura che rispettiamo.
Il vero altruismo, il senza interesse: “Non per se stesso ei vive, ma per il mondo!”.
Si deve giungere a sentire profondamente e con dolore la separazione tra noi e il resto degli esseri, da tutto ciò che esiste in Natura, e ciò che non è ‘provata’ verità nel nostro oggi -tempo tutto e solo umano-.già esiste, già c’è…quanta trista, meschina superbia spinge l’uomo al credere di poter spiegare -e piegare- ogni pezzo dell’universo… .
#verità   #laveritàrendeliberi
*Immagine web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società