Canta l’attesa

DI FEDERICA SIMIONATO

C’è la tua voce
tra le spighe smagrite
che parlano al sole,
sotto i tacchi alti
dello sfilare del giorno,
c’è la tua ombra.

Il vento,
le tue dita ad intrecciare
il filo dei pensieri
e farsi veste
lungo i fianchi
nudi e soli dell’attesa.

C’è una domanda appesa
oltre il ciglio di ogni mio restare.

Nell’assolato profumo d’erba
si spegne il canto delle cicale.

©® Copyright foto di Luciana Ibi

 

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e attualità