Insegnare odio può solo partorirne di nuovo e maggiore

di Giovanna Mulas

Nonostante la violenza subita quindi una separazione avvenuta, a suo tempo, in maniera estremamente drammatica; traumatizzante, mai ho voluto imporre sui miei quattro figli -al tempo tutti bambini affidati alla mia tutela- rancore nei confronti del padre biologico, men che meno odio. Avrebbe potuto essere molto facile, per me: la madre è il dio unico e solo, per il bimbo in crescita; è il mondo.

Non ho voluto farlo semplicemente perché tutti voluti e nati con amore, con un uomo che ho voluto e amato, nonostante giovanissimi.

Cosa che ho ripetuto durante ogni fase della loro crescita e a dispetto degli eventi attorno: siete nati dall’amore, l’amore non conosce rancore.

La vita li ha poi voluti tutti, o quasi, artisti; ergo doppio compito li attende nel mondo: cosa è l’Arte vera se non amore, se non un costante darsi senza attenderne risposte?

Ma questo è altro discorso.

Ora, il potere che una madre ha sui propri bambini, soprattutto quando non separata pacificamente, ha un qualcosa di straordinario o meglio…straordinariamente naturale, ché noi stesse partorite da una Natura Madre per crescere e ancora partorire, proteggere, allevare la specie, prepararla ad una evoluzione si spera positiva, volta al bene di tutte le specie e della terra che ci accoglie, se è vero che come uomini rappresentiamo meri granelli di un meccanismo immenso, ancora imperscrutabile.

Potere, dicevo. Che, probabilmente, figurerebbe pauroso per i più, se davvero consapevoli. Un potere che se strumentalizzato da menti perverse, attraverso tempo ed eventi, può rivelarsi in grado di allevare veri e propri mostri.

Potere pericolosissimo, sia per quei futuri uomini/donne che per la società/mondo che li circonda.

Perversi che non potranno che, letteralmente, crescere nuove serpi in seno.

Sono convinta che si tratti di una condizione che andrebbe costantemente ben ponderata e monitorizzata anche dalla comunità che accoglie i nuclei famigliari, comunque da noi madri quando costrette ad attraversare l’intricato, buio sentiero di una separazione coniugale, pure la più dolorosa.

Come sempre amo appellarmi alle donne/Sorelle: insegnare odio può solo partorirne di nuovo e maggiore.

Dare amore, sempre: forse meno se ne ha avuto più occorre darne. Non sterili, facili rancori, se davvero vogliamo puntare ad una società più vera dove l’Uomo Psiche-Uomo Vita, come amo chiamarci, avrà sempre e comunque la meglio su ogni macchina imposta.

In questo vanno auspicate politiche di sostegno famigliare, sociale ed economico,
indubbiamente culturale nei contesti più disagiati.

 

scrignodipandora
Latest posts by scrignodipandora (see all)

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società