Mario Draghi? La persona giusta al posto giusto

di Gerardo D’Amico

Non è che siamo proprio considerati tra i più affidabili al mondo, come sistema politico e per sostenibilità del macroscopico debito pubblico.
Le due cose si tengono, quel debito lo ha fatto la classe politica nel corso degli ultimi 40 anni, sperperando risorse, mantenendo clientele, rubando direttamente.
Non tutti, non sempre: ma questa è la storia del nostro Paese.
Avere a capo di un governo si spera di persone competenti un uomo come Draghi è non solo un diverso biglietto da visita verso il mondo ( anche economico) ma può rappresentare una strabiliante occasione di ripartenza, per l’Italia.
Ci saranno scelte difficili da compiere, perché quei soldi sperperati hanno nutrito milioni di evasori, amnistiati, amici di amici, stralciati, baby pensionati eccetera: non rinunceranno ai loro privilegi.
Risorse che sono mancate all’ammodernamento delle infrastrutture, alla ricerca scientifica, alla formazione dei giovani, alla sanità: siamo tra i più arretrati tra i Paesi ricchi.
Ma se vogliamo che l’Italia non faccia la fine della Grecia, a pandemia terminata, Draghi è la persona giusta al posto giusto.
*Immagine tratta da AdnKronos

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di informazione