Tutto il resto è filosofia, dunque, non vale nulla

DI ANTONIO MARTONE

 

Purtroppo, esistono innumerevoli individui convinti che il mondo vero sia soltanto il lavoro e la produzione materiale, mondo serio, importante, l’unico davvero degno di considerazione, accanto al quale risiede anche, chissà per quale perversione dello spirito umano, l’attività di pensiero e la filosofia.

“Guardi – diceva una volta un mio interlocutore – la realtà è questa, tutto il resto è filosofia”. Come per dire che il pensiero non ha alcun diritto di cittadinanza in questo mondo e, se ce l’ha, è solo perché qualcuno (persone serie) è tanto magnanimo da consentire a dei perdigiorno di discettare sull’aria fritta.

Definire questa “visione” stupidissima e volgare, oltre che frutto di ignoranza estrema indegna perfino delle conversazioni da bar, è perfino generoso e nobilitante. Purtroppo però tale becero pregiudizio è più diffuso di quanto si creda e si colloca non di rado anche nelle più alte sfere istituzionali. Tale stupida arroganza costituisce la causa fondamentale del degrado forse irreversibile di questo paese.

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società