Volere, volare

DI ROBERTO BUSEMBAI

 

Mi lascio trasportare dai momenti e dalle situazioni, a volte sono pure testardo e me le vado a cercare.

È difficile vivere senza, senza conoscenza e senza essere coscienti della vita che ci circonda, ma a volte grido a me stesso che non farebbe certo male avere un momento in cui il pensiero non naviga nel mare nero.

Avere quel momento che scende come un petalo di rosa e si posa sopra il cuore, avere in fondo quel momento in cui, il sole doni un raggio di sole, a questo scorrere di vita che è bello vivere ma anche faticoso e doloroso.

Le gioie non si comprano e i dolori invece sono a buon risparmio quasi in omaggio, e allora è in questo pensare che ragiono e mi distolgo dal presente e come un struzzo in mezzo a un mare di sabbia, vi nascondo dentro la testa e poso sulla poltrona il cuore a riposare.

E leggo, mi prendo un libro, quello che magari mi ha attirato per il suo colore o per la copertina fantasiosa dalle immagini dolci e dai colori forti, e leggo quello che spesso mi capita tra le mani, anche una rivista o un fumetto, niente disdico in questo momento che mi sono scelto di passare.

La vita, questa nostra amica che ci conosce dai primi vagiti al sole e ci accompagnerà fino all’ultimo raggio che si getta nel mare, ha bisogno di correre e di navigare, di fantasticare per poter respirare e così continuare.

La vita è preziosa nel suo insieme e mai va tolta o separata, la vita è propria ma in comunità vissuta, anche se il silenzio e la solitudine a volte gli danno la forza giusta per agire e andare avanti.

Un libro, come potrebbe essere un diverso lavoro che vi piace da fare, un hobby per dirlo all’inglese che va tanto di moda adesso, un qualche cosa che vi prenda assolutamente da farvi “dimenticare”.

Ho visto una rondine nel cielo , era assolutamente indaffarata a procacciarsi un poco di cibo da portare al suo nido dove affamati rondinini stridulano e invocano la fame, ho visto la tenacia e l’amore abbracciati insieme perchè la sofferenza in quel momento non ha nessun valore, e il suo volo aperto e deciso, e l’amore naviga con essa e spruzza in ogni dove.

Ho visto una rondine e non riesco a vedere l’uomo adesso in una stessa situazione ed ecco che ritorna quel dolore, e non voglio lasciarmi andare, il corpo ha già abbandonato molte mosse, il fiato stenta perchè soffre a respirare, l’occhio e l’udito pare che abbiano dimenticato il loro fare, ma la mente per volontà di un Dio, ancora muove e il pensiero lo segue freneticamente, ed è a loro che mi affianco e mi dedico alla cosa che ancora mi riesce bene a fare, navigare con le parole scritte o pensate e sognare.

Immagine tratta dal web

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e attualità